Schede primarie

CATE BLANCHETT ha studiato al National Institute of Dramatic Art e ha ottenuto due dottorati onorari in lettere dall'Università del New South Wales e dall'Università di Sydney. Dal 2008 al 2012, è stata co-direttrice artistica e co-CEO della Sydney Theatre Company (STC), insieme ad Andrew Upton.
La Blanchett è una pluripremiata attrice teatrale, e tra i suoi ruoli più recenti si possono annoverare: HEDDA GABLER, che le ha fatto vincere un Ibsen Centennial Award, un Helpmann Award e un MO Award come Miglior attrice; RICCARDO II nella premiata produzione della STC La Guerra delle Rose; Blanche DuBois in UN TRAM CHIAMATO DESIDERIO di Tennessee Williams, rappresentato in tournée da Sydney fino a Washington e New York (la sua interpretazione è stata definita la migliore dell'anno dal New York Times), che le è valso un Helen Hayes Award come Miglior attrice in uno spettacolo itinerante; Yelena in un nuovo adattamento (ideato da Andrew Upton) di ZIO VANYA di Anton Chekhov, rappresentato con grande successo a Washington nel 2011 e a New York nel 2012, per il quale ha ottenuto un Helpmann Award come Miglior attrice in un Dramma e un'Helen Hayes Award come Miglior attrice in uno spettacolo itinerante; Lotte in GRANDE E PICCOLO di Botho Strauss, che è stato rappresentato in tutta Europa nel 2012 ha partecipato alla London Cultural Olympiad, per il quale ha ottenuto un Helpmann Award come Miglior attrice in un Dramma; e Claire in LE SERVE di Jean Genet, diretto da Benedict Andrews e messo in scena per la prima volta lo scorso Agosto a New York, al Lincoln Center Festival.
Per il cinema ha interpretato: la regina Elisabetta in ELIZABETH ed ELIZABETH: THE GOLDEN AGE; Daisy in IL CURIOSO CASO DI BENJAMIN BUTTON di David Fincher; Katharine Hepburn in THE AVIATOR di Martin Scorsese; Bob Dylan in IO NON SONO QUI di Todd Haynes; Jane in LE AVVENTURE ACQUATICHE DI STEVE ZISSOU di Wes Anderson; e Sheba in DIARIO DI UNO SCANDALO, accanto a Judi Dench. È anche apparsa nelle trilogie de IL SIGNORE DEGLI ANELLI e LO HOBBIT di Peter Jackson, e più recentemente in MONUMENTS MEN di George Clooney e BLUE JASMINE di Woody Allen.
La Blanchett è stata candidata a sei Oscar®, e ne ha vinti due: uno come Miglior attrice per BLUE JASMINE, e l'altro come Miglior attrice non protagonista per THE AVIATOR. Ha vinto inoltre tre BAFTA (ELIZABETH, THE AVIATOR, BLUE JASMINE), quattro AFI Awards (THANK GOD HE MET LIZZIE, LITTLE FISH, ELIZABETH: THE GOLDEN AGE, BLUE JASMINE), tre SAG Awards® (THE AVIATOR, IL SIGNORE DEGLI ANELLI: IL RITORNO DEL RE, BLUE JASMINE), tre Golden Globes® (ELIZABETH, IO NON SONO QUI, BLUE JASMINE) e la Coppa Volpi come Miglior attrice al Festival del Cinema di Venezia (IO NON SONO QUI). Ha anche ottenuto una Centenary Medal per i suoi servigi alla società australiana, e nel 2007 è stata definita una delle 100 persone più influenti dalla rivista Time. Nel 2012, la Blanchett è stata nominata Chevalier de l'Ordre des Arts et des Lettres dal Ministro della cultura francese, in riconoscimento dei suoi contributi nel campo dell'arte. Inoltre, ha ottenuto una stella sulla Hollywood Walk of Fame.
Nel 2008, la Blanchett ha partecipato all'Australia's National 2020 Summit. Attualmente è un'ambasciatrice dell'Australian Conservation Foundation e dell'Australian Academy of Cinema and Television Arts. È sposata, ha tre figli e vive a Sydney.