Schede primarie

GARY OLDMAN è una presenza leggendaria sullo schermo da oltre 25 anni, noto a milioni di spettatori nel mondo per l’interpretazione di alcuni fra i più iconici personaggi del cinema. Oltre al Commissario Jim Gordon nella serie di Batman - Il cavaliere oscuro, ha interpretato una vasta gamma di ruoli indimenticabili, come l’amato patrigno di Harry Potter, Sirius Black; Dracula; Beethoven; Lee Harvey Oswald; Sid Vicious e George Smiley, nell’ultima spy story di John le Carré, interpretazione che gli è valsa la candidatura agli Oscar®. 26 Oldman è uno tra gli attori che ha partecipato al maggior numero di film, che hanno incassato di più al botteghino, inclusa la saga di Harry Potter. Ha dato origine al ruolo di Sirius Black nel film del 2004, “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban”, ha poi continuato la sua parte in “Harry Potter e il calice di fuoco”, “Harry Potter e l’ordine della Fenice” ed il finale campione d’incassi, “Harry Potter e i doni della morte–parte 2”. Ha interpretato il ruolo di Jim Gordon nel film di Christopher Nolan del 2005 “Batman Begins”. Oldman è poi ritornato al ruolo dell’alleato di Batman nella lotta al crimine, nel fortunato film del 2008 “Il Cavaliere Oscuro” Nel 2011, Oldman ha interpretato la grande spia, George Smiley nella versione per il grande schermo, del romanzo di John le Carré, “La talpa”. Oltre ad una candidatura all’Oscar®, la performance di Oldman è stata premiata con le nomine ai BAFTA Award, ai British Independent Film Award ed agli Empire Award, tutti nella categoria Migliore Attore. Ha ricevuto innumerevoli riconoscimenti per il suo lavoro, tra i quali il premio Empire Icon del 2011, conquistato per gli straordinari risultati di una vita dedicata all’arte; il premio Gotham Career Tribute Award ed il premio International Star of the Year al Palm Springs Film Festival. La sua carriera di attore inizia nel 1979, lavorando esclusivamente in teatro; dal 1985 al 1989 ha lavorato al London’s Royal Court. I suoi primi film per la BBC sono stati, “Meantime” di Mike Leigh e “The Firm” dell’ultimo Alan Clark. Film per il cinema, che hanno fatto seguito immediatamente dopo sono, “Sid e Nancy”; “Prick up-l’importanza di essere Joe” per la regia di Stephen Frears; “Rosencrantz e Guildenstern sono morti” per la regia di Tom Stoppard; “ Stato di grazia”; “JFK” per la regia di Oliver Stone; “Dracula di Bram Stoker” per la regia di Francis Ford Coppola. Tra gli altri moltissimi film di Oldman troviamo, “Una vita al massimo” per la regia di Tony Scott; “Triplo gioco”; i film diretti da Luc Besson, “Leon” e “Il quinto elemento”; “Amata immortale”; “L’isola dell’ingiustizia-Alcatraz”; “La lettera scarlatta”, per la regia di Roland Joffé; “Lost in Space”; il film di Wolfgang Petersen, “Air Force One”, nella parte del terrorista che dirotta l’aereo del presidente degli U.S.A., intepretato da Harrison Ford; e “Codice:Genesi”. Nel 1995, Oldman ed il suo partner, il produttore/manager Douglas Urbanski, hanno formato una compagnia di produzione, con la quale Gary Oldman ha debuttato alla regia ed alla sceneggiatura nell’acclamato, “Nil by Mouth”. Il film è stato selezionato per l’apertura della competizione principale del 1997, in occasione del 50° anniversario del Festival di Cannes, per il quale Kathy Burke ha vinto il premio come Migliore Attrice e Oldman è stato candidato alla Palma d’Oro. Tra le varie onorificenze ricevute, Oldman ha vinto il prestigioso premio Channel 4 Director’s Prize all’ Edinburgh Film Festival; un Empire Award; un BAFTA Award, condiviso con Urbanski, nella categoria Miglior Film ed un BAFTA nella categoria Migliore Sceneggiatura Originale. Nel 2000, Oldman ha recitato nel dramma politico, “The Contender”, da lui prodotto insieme ad Urbanski, Il film, interpretato inoltre da Joan Allen, Jeff Bridges, Christian Slater e Sam Elliott, ha ricevuto alcuni riconoscimenti, tra i quali due candidature agli Oscar®.