Schede primarie

Nasce a Milano nel quartiere popolare del Giambellino e fin da piccolo ha la possibilità di frequentare il Derby, un rinomato cabaret di proprietà dei suoi zii, nel quale si esibiscono popolari cabarettisti. E’ qui che inizia a lavorare come tecnico luci e direttore di scena, entrando presto in contatto con personaggi come Jannacci, Boldi, Porcaro, Faletti, Salvi e i Gatti di Vicolo Miracoli. Nel 1975 diventa direttore artistico del Derby. Il successo non tarda ad arrivare e, dopo un periodo da cabarettista, inizia una serie di partecipazioni a film tra i quali “IL PAPOCCHIO”, “FANTOZZI CONTRO TUTTI” , “FICO D’INDIA”. Con il “TANGO DELLA GELOSIA” (di Steno), “I FICHISSIMI” e “ECCEZZZIUNALE VERAMENTE” (di Carlo Vanzina) inizia la sua carriera da protagonista ed è con questi film che il suo Terrunciello s’impone come personaggio di larga presa popolare, tanto da diventare un vero fenomeno di costume, emulato e imitato da tantissimi fans. Dal 1984 si dedica quasi esclusivamente al teatro (apprezzato soprattutto nel DON GIOVANNI DI MOLIÈRE, per la regia di Franco Morini) e torna al cinema nel 1986 con “REGALO DI NATALE”, diretto da Pupi Avati: è da questo film che inizia una nuova carriera lavorando con numerosi registi, da Luigi Comencini a Giuseppe Bertolucci, da Carlo Mazzacurati a Marco Risi, da Luchetti a Cristina Comencini, da Scola a Gabriele Salvatores (indimenticabile “MEDITERRANEO” premiato con l’Oscar come miglior film straniero nel 1992). Oltre a far parte del cast del film tv diretto da Alberto Negrin “IL SEGRETO DEL SAHARA” a fianco di Michael York, Ben Kingsley, Andie McDowell ecc., veste in TV i panni del Commissario Corso e del Giudice Mastrangelo. Tra i suoi film più recenti "Il peggior Natale della mia vita" di Alessandro Genovesi (2012); "Indovina chi viene a Natale?", regia di Fausto Brizzi (2013); "La gente che sta bene" di Francesco Patierno (2014); "Soap opera" di Alessandro Genovesi (2014), "Belli di papà", regia di Guido Chiesa (2015) e "Mister Felicità", di e con Alessandro Siani.