Schede primarie

Walter Bruce Willison è nato il 19 marzo 1955 a Idar-Oberstein, Germania dell’Ovest, dove suo padre lavorava come militare dell’esercito Americano. Nella sua carriera, Willis ha lavorato con importantissimi nomi del cinema, tra cui Robert De Niro, Gary Cooper, Steve McQueen e John Wayne. Tuttavia, la sua carriera all’inizio è stata particolarmente travagliata. Il primo ruolo è arrivato nel 1977 con "Heaven and Earth". Nel 1980 Willis approfitta di una possibilità offertagli nel film di Sinatra "Delitti inutili". Due anni dopo gli viene proposto un ruolo minore nel film "Il verdetto", con Paul Newman. Nello stesso periodo, Willis lavora anche per il piccolo schermo, in particolare sui set di "Cuore e batticuore" e "Miami Vice". Nel 1984, dopo aver sostituito Ed Harris in "Follia d’amore", Willis va a Hollywood per partecipare alle selezioni per "Cercasi Susan disperatamente". Anche se non gli viene assegnata la parte, Willis decide di restare un altro giorno, e di presentarsi alle audizioni di una nuova commedia romantica, intitolata "Moonlighting - Cittadini di nessuno". Willis viene selezionato per la parte di David Addison, investigatore privato. Il suo carattere e il suo fascino hanno la meglio su altri 3000 candidati. Il film segue la storia del duo Maddie Hayes (Shepherd) - Addison, ingaggiati da una società privata di investigazioni, la Blue Moon Detective Agency. Trasmesso a maggio del 1989, lo show segna un colpo grandioso per ABC e ancora di più per la carriera di Willis. “Le donne lo trovano attraente, e gli uomini desiderano essere come lui”, dichiara il vice presidente Gary Pudney sulle pagine di People. “Ecco perché è diventato così famoso in pochissimo tempo.” Nel 1987 recita con Kim Basinger nella commedia "Appuntamento al buio". Lo stesso anno, riempie pagine di giornali di gossip per il matrimonio con un’altra star del cinema, Demi Moore. La coppia, che ha divorziato nel 2000, ha avuto tre figli: Rumer Willis (1988), Scout LaRue Willis (1991) e Tallulah Belle Willis (1994). Lo stesso anno di "Appuntamento al buio", Willis, che è anche un bravo musicista, è in studio con la Motown Records per registrare Return to Bruno, album di canzone soul che ha prodotto un modesto ritorno economico e di immagine. Nell’estate del 1988, Willis è sul set di "Trappola di cristallo", nei panni del forte e coraggioso John McClane: un enorme successo di pubblico. Anche prima dell’uscita del film, la stampa si era mossa con interesse, in parte a causa del rifiuto di Sylvester Stallone e Arnold Schwarzenegger a interpretare il ruolo di McClane. L’interpretazione di Willis, che ha aggiunto humour e profondità al personaggio, viene pagata 5 milioni di dollari, una cifra molto importante considerando che Willis all’epoca era ancora un attore relativamente inesperto. Il film ha conquistato pubblico e critica e fatto incassare ben 81 milioni di dollari ai botteghini, con ben tre sequel. E non era che l’inizio per Willis, che negli anni successivi ha recitato in film capaci di far incassare oltre 3 miliardi di dollari. Un anno dopo "Trappola di cristallo", Willis è la voce di Mikey, il famosissimo bambino di "Senti chi parla". Nei panni del giornalista in "Il falò delle vanità" (1990) Willis ha suscitato critiche contrastanti. Nel 1991, l’action movie "Hudson Hawk - Il mago del furto", che Willis ha scritto e interpretato, è stato un fallimento dei box office. A questo ne sono purtroppo succeduti altri. Nel 1994 Willis torna a interpretare il forte e muscoloso Butch Coolidge nel film di Tarantino "Pulp Fiction". Forse immaginando che il film sarebbe andato bene, Willis ha accettato un modesto compenso (1,685 dollari a settimana) in cambio di una percentuale sugli incassi. Il film ha incassato oltre 100 milioni di dollari. Da allora si sono susseguiti diversi successi, "Die Hard: Duri a morire" nel 1995, fino allo sci-fi action thriller del 1998, "Armageddon - Giudizio finale". Nel 1999 Willis ha interpretato il sottile psicologo Malcolm Crowe per la regia Night Shyamalan nel film "Il sesto senso". Intanto Willis ha interpretato diverse commedie ("FBI - Protezione testimoni") e apparizioni per il piccolo schermo (Ally McBeal, Innamorati pazzi e Friends). Nel 2010 Willis recita al fianco di Arnold Schwarzenegger, Jean-Claude Van Damme e Sylvester Stallone nel film "I mercenari - The Expendables". Ad agosto del 2012 è sul set di "I mercenari 2". In solo una settimana, il film è campione d’incassi ai botteghini, con 28.6 milioni di dollari. Negli ultimi anni, lungi dal mostrare segni di rallentamento in una carriera costellata da grandiosi successi, Willis ha recitato in numerosi film, da "Sin City", "Die Hard - Vivere o morire" a prodotti più vicini alla commedia come pochi altri attori possono vantare di aver fatto.