Schede primarie

Elyas M'Barek è nato a Monaco di Baviera nel 1982, da madre austriaca e padre tunisino. Ha esordito come attore nella compagnia teatrale della sua scuola, per poi passare al cinema con la commedia tedesca "Ragazze pon pon al top" (Mädchen Mädchen, 2001) di Dennis Gansel. Ma il primo ruolo da attore protagonista arriva nel 2006 con "Wholetrain" di Florian Gaag - un film che ha ottenuto un grande successo di pubblico e critica in diversi festival cinematografici. A renderlo, però, tanto popolare, è stata la pluripremiata serie tv della ARD "Kebab for Breakfast" (2005-2008), in cui M'Barek ha interpretato il personaggio di Cem Öztürk. Quello con la televisione è un sodalizio che si rivela vincente e duraturo. L'attore, infatti, ha lavorato anche per altre serie tv come "KDD", "Abschnitt 40" e "Doctor's Diary" (Männer sind die beste Medizin, 2009-2011), rivestendo, in quest'ultima, i panni del medico austriaco Dr. Maurice Knechtelsdorfer al fianco di Diana Amft e Florian David Fitz. Per il cinema, invece, ha lavorato in: "Die Welle" (2008) di Dennis Gansel; "Zeiten Ändern Dich" (2010) di Uli Edel, dove ha interpretato il ruolo del giovane rapper tedesco Bushido soffocato dagli scandali; "What A Man" (2011) di Matthias Schweighöfer; "Fünf Freunde" (2012) di Mike Marzuk, adattamento cinematografico della serie di romanzi per ragazzi di Enid Blyton; "Offroad" (2012) di Elmar Fischer, in cui ha lavorato al fianco della bravissima Nora Tschirner. Dopo il successo di "Kebab for Breakfast", M'Barek è tornato a lavorare con l'amico e regista Bora Dagtekin e tutto il cast nella commedia "Turkish For Beginners" (2012), il film di maggior successo dell'anno. Recentemente l'abbiamo visto nel fortunato "The Physician" (Der Medicus, 2013) di Philipp Stölzl, tratto dall'omonimo romanzo di Noah Gordon; nel fantasy "Shadowhunters - Città di ossa" (2013) di Harald Zwart; nella commedia tedesca "Männerhort" (2014) di Franziska Meyer Price, in cui ha interpretato nuovamente il ruolo di attore protagonista; nel thriller "Who Am I" (2014) di Baran bo Odar.